UNA NUOVA STRAGE DI STATO

controreatoimmigrazione

Ci sono gli esecutori materiali delle stragi di  migranti nel Mediterraneo: sono i negrieri organizzati dalle mafie che trasportano a prezzo della vita, dopo averli spogliati di ogni loro bene,  chi vuole fuggire dalla guerra, dalla fame, dalla miseria.

L’unica colpa che hanno questi fuggitivi è quella di aver pensato a un progetto di vita per  loro e la loro famiglia e di aver tentato di realizzarlo.

Questo è un diritto naturale, che viene prima di ogni legge statale.

 “Mentre pensavo a queste cose, mi sembrava che il mondo fosse diventato un posto di animali e che il nostro reato, il nostro crimine, fosse che eravamo solo esseri umani che cercano di vivere come hanno sempre fatto gli esseri umani, dell’acqua e della terra. Nessun essere umano può pensare che questo sia un crimine, a meno che abbia dimenticato come l’umanità ha sempre vissuto, pescando, dissodando e coltivando la terra.”(1)

Ci sono dunque anche i mandanti di quelle stragi: sono i legislatori che con leggi razziste e segregazioniste vogliono conculcare il diritto di ogni persona di costruirsi il proprio avvenite, sono tutti coloro che quelle leggi approvano e vorrebbero addirittura più razziste e segregazioniste.

La legge italiana è una di queste leggi.

Essa è una legge ingiusta perché limita il diritto naturale delle persone e come tale deve essere violata in nome della solidarietà umana. Anzi, chi viola quella legge deve essere considerato  un partigiano della libertà.

Le autorità grideranno all’orrore per la strage, piangeranno i morti e potrebbero anche avere così tanto pelo sullo stomaco da celebrare solenni funerali di Stato.

Io grido alla loro complicità con i negrieri.

E’ grazie alle loro leggi liberticide che si fa contrabbando di uomini donne e bambini.

Al posto di quelle leggi ci dovrebbe essere un ponte di libertà e di solidarietà fra il nord Africa e l’Italia e l’Europa.

Ma ci accontentiamo degli spot anti razzismo della UEFA, trasmessi prima di ogni partita di calcio dei campionati europei.

Alla ipocrisia non c’è proprio nessun limite.

 

 

 

____________________

Note:

1 – Amitav Ghosh – Il paese delle maree, Neri Pozza Editore

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: