Archivi della categoria: movimento popolare

IL RACCONTO DEL PRESENTE

La sinistra non ha un racconto del presente diverso da quello che ha la destra neoliberista. Per questo non ha futuro. La sinistra come la destra pensa che l’economia sia una scienza, quando invece è una filosofia. La sinistra come la destra pensa che la crescita non abbia limiti, anche se viviamo su un pianeta …

Continua a leggere

Un movimento “NO TAV” per il lavoro.

Sono iniziate le grandi manovre per puntellare il Partito Democratico in prospettiva delle elezioni politiche, per ridargli una qualche fisionomia che possa nuovamente ingannare i lavoratori sulla reale incapacità di questo partito di realizzare una qualsiasi riforma della politica e tanto meno della società. Anzi sulla sua capacità di rendersi complice di leggi inique e reazionarie come lo sono la legge di riforma delle pensioni, la legge di riforma della Costituzione che ha introdotto il principio del pareggio di bilancio, come lo sarà la controriforma dell’art. 18 dello Statuto dei diritti dei lavoratori. E tutto questo al solo scopo di rimanere a galla in un presente sempre più simile a se …

Continua a leggere

Via dall’Europa delle banche

E’ assurda la crisi del debito pubblico della Grecia. La Grecia sta affondando perché si è voluto farla affondare. Perché il potere delle Banche di investimento, il cosiddetto mercato, altre volte detto “la speculazione”, è più forte di ogni potere politico democratico. Una parte consistente dei lavoratori greci è stata ridotta in povertà, è alla …

Continua a leggere

Lo Stato contro la Democrazia

Faccian li Ghibellin, faccian lor arte sott’altro segno; ché mal segue quello sempre chi la giustizia e lui diparte; e non l’abbatta esto Carlo novello coi Guelfi suoi; ma tema delli artigli ch’a piú alto leon trasser lo vello. (DANTE ALIGHIERI – PARADISO – CANTO SESTO vv. 103 e segg.) Forse con il movimento NO TAV è iniziato un moto di rivolta che farà cadere definitivamente la maschera ai guelfi e ai ghibellini che siedono in Parlamento, apparentemente divisi, ma uniti per bastonare il popolo con le tasse e la rapina delle pensioni ed …

Continua a leggere

Solidarietà con il popolo no tav.

Era proprio necessario eseguire l’arresto dei militanti No Tav a più di sei mesi dai fatti contestati? Non era più logico denunciarli a piede libero, dato che le prove dei reati contestati, se ci sono ci sono e non possono più essere compromesse? Mi sembra che la ratio del bliz sia proprio quella di delegittimare un movimento popolare che sostiene una causa giusta, attraverso il solito carnevale mediatico. Un movimento che sta convincendo sempre più persone della giustezza della causa, che sta chiedendo alla politica di ragionare sulle finalità delle scelte e non soltanto sulla …

Continua a leggere

Un bastone tra le ruote della politica

Rispondo ai due commenti ricevuto al precedente articolo “Il Governo del salvagente”, dicendo che la sensazione di impotenza e di non sapere da che parte incominciare è anche la mia. Anzi, è la stessa sensazione che mi ha spinto a scrivere questo blog. E’ probabile che non risolverò il problema, ma ci provo. Se in tanti provassero forse qualcosa si muoverebbe. Ed in effetti in tanti si stanno muovendo, sul web, ma anche nelle piazze e nelle strade. Bisognerebbe creare questo centro di aggregazione che manca. O che forse c’è e io non …

Continua a leggere

Il Governo del salvagente

Il Presidente del Consiglio Mario Monti le chiama ritualità. Sarebbero le discussioni democratiche con le parti sociali e con il Parlamento sui provvedimenti anti crisi. E il Presidente della Repubblica non ha nulla da esternare. Si era già capito che questo governo con la democrazia parlamentare aveva poco a che fare, ora ne abbiamo la …

Continua a leggere

Cerchiamo una nuova strada.

Facciamo qualcosa per riprendere il controllo della situazione. La politica, quella delle elezioni, quella della democrazia, quella del rapporto con i cittadini non esiste più, si è dimessa o la tengono in ostaggio. La crisi del debito sta peggiorando: i creditori, cioè le banche, chiedono agli Stati maggiormente indebitati come l’Italia, interessi sempre più alti per comprare nuovi titoli del debito pubblico, cioè per consentire allo Stato di far girare i servizi ed esercitare le funzioni proprie della Pubblica Amministrazione (scuola, sanità, giustizia, previdenza sociale, infrastrutture, difesa, ecc.); gli Stati chiedono risorse aggiuntive ai cittadini per pagare gli interessi e nello stesso tempo per ridurre il debito, impoverendo così sempre di più coloro che …

Continua a leggere

Appunti su Governo, Movimenti, Qualità dello sviluppo

Oggi non so come incominciare. Avrei tante idee ma nessuna ancora pronta da sviluppare, nessuna che mi aiuti a spingermi al largo. Così, ormeggiato in rada elenco quelle che mi sembrano più interessanti. …….. – ……. C’è tanta rabbia e tanta paura nella parte più debole della società anche perchè non si scorge un soggetto collettivo in grado di rappresentarle e di dare vita ad un percorso di riscossa.  In un altro articolo ho parlato di movimento popolare, sintesi o soltanto unione dei movimenti che vivificano oggi la democrazia: Credo che sia la strada giusta. …

Continua a leggere